L'Archiginnasio

Cop_Archiginnasio

COMITATO PER BOLOGNA STORICA E ARTISTICA
Strada Maggiore 71 – 40125 Bologna – Tel/Fax 051-347764

VENERDI’ 23 Aprile 2010, ore 17.00
Valeria Roncuzzi parlerà del volume, “L’Archiginnasio di Bologna. Un palazzo per gli studi”
(Minerva Edizioni, 2010)

Il volume propone una lettura storico-artistica dell’edificio, riprendendo e applicando anche al palazzo bolognese studi generali sull’iconologia e sulla trattatistica cinquecentesca in ambito architettonico ed emblematico.

Poiché il palazzo dell’Archiginnasio è, come le Due Torri, uno dei simboli della città, una delle testimonianze più rappresentative della storia di Bologna e della sua fama internazionale come Alma mater studiorum, si constata come la sede dell’antico Studio sia monumento ricco di espressioni artistiche e insieme palinsesto di iscrizioni, memorie, stemmi araldici e policromi ritratti di uomini di scienza d’ogni tempo e paese, che riassumono ed esemplificano le diverse vicende dell’insegnamento che vi si teneva. Tutte le raffigurazioni e i motti, ricorrenti sulle pareti, le arcate, i loggiati e gli angoli più reconditi dell’edificio dedicato alla Sapienza, esprimono l’ammirazione per i portatori del sapere, imprimendo un carattere fortemente allegorico all’intero palazzo, la cui architettura è anch’essa carica di significati, nei quali si fondono messaggi di antiche conoscenze e istanze religiose controriformistiche.

Il contrasto fra l’esterno e l’interno, dove forme architettoniche cinquecentesche, ampie e solenni, si coniugano con la magniloquenza di un apparato decorativo barocco espresso grazie a un lessico celebrativo, che fa rivivere ancor oggi i fasti della più antica università del mondo.

Sanate le ferite inferte del terribile bombardamento nella seconda guerra mondiale grazie a un sollecito restauro, continuato ancor oggi soprattutto nei suoi apparati decorativi, l’edificio ci consente, dopo cinque secoli e tanto rinnovarsi di scienza e di cultura, di ammirarlo e viverlo ancora con pienezza proprio grazie alla sua destinazione a sede di biblioteca, che lo riconferma così luogo sacro alla cultura.

Conferenza illustrata da diapositive

Ingresso libero

Autore: bondeno

redazione bondeno.com