Sicurezza in agricoltura

Sicurezza in agricoltura, una questione irrisolta e pericolosamente attuale. Non si placano i furti nelle aziende agricole, prese di mira dai ladri per il gasolio agricolo, le attrezzature e perfino per le macchine agricole.

«Le aziende agricole sono diventate una sorta di supermercato a cielo aperto, – denuncia la presidente di Confagricoltura Modena Eugenia Bergamaschi – 24 ore su 24 in balia di avventori che gratuitamente prendono ciò che vogliono. La percezione di sicurezza è diminuita, le aziende sono spesso isolate e gli impianti di allarme non sono la soluzione al problema. Senza pene certe e condanne esemplari la situazione è destinata a non cambiare e gli agricoltori si troveranno ancora a fare i conti con le perdite causate da furti e saccheggi».

La presidente spezza una lancia in favore delle forze dell’ordine, ma ribadisce l’importanza di tenere alta l’allerta sul tema: «Chi ci dovrebbe proteggere non è messo nelle condizioni di farlo, sappiamo che le forze dell’ordine sono a ranghi ridotti e fanno del loro meglio. È fondamentale che il tema venga affrontato in modo serio e risolutivo, che resti alta l’attenzione su un problema che riguarda in primo luogo l’incolumità delle persone, ma anche il fare impresa in agricoltura, e che non può più essere considerato né isolato, né episodico».

The post “Troppi furti nei campi, le aziende agricole alla mercè di ladri e delinquenti” appeared first on SulPanaro | News.

Autore: bondeno

redazione bondeno.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.