Lirica in Castello

Quarta edizione di “Lirica in Castello”, che quest’anno raddoppia le proposte in calendario mettendo in scena, mercoledì 13 e mercoledì 20 luglio alle 21.15, rispettivamente La Traviata e Il Trovatore nel Cortile del Castello Estense. Dopo il successo di pubblico riscosso da Rigoletto nel 2013, Il barbiere di Siviglia dell’anno successivo e La Bohéme nel 2015 – altrettanti “tutto esaurito” – Lirica in Castello ritorna nel 2016 per presentare due tra le opere più note ed amate di Verdi, completandone così in una sola estate la cosiddetta trilogia popolare, iniziata tre anni fa proprio con Rigoletto.

L’iniziativa intende perseguire molteplici obiettivi. Da un lato andare sempre di più oltre le stagioni del Teatro Comunale, ampliandone la programmazione culturale oltre l’apertura canonica da autunno a primavera; dall’altro rinforzare le attività di promozione turistico-culturale della città, che ha proprio nel Castello Estense uno dei musei più visitati in Regione. La formula di “Lirica in Castello” è quella che ha caratterizzato la stagione del Teatro Comunale di Ferrara degli ultimi anni: valorizzare accanto a giovani promesse del teatro musicale italiano, le migliori realtà e professionalità del nostro territorio, coinvolgendole nella divulgazione di un genere che vanta ancora numerosi appassionati; l’ambizione è quella di acquisirne di nuovi e più giovani attraverso la messa in scena di titoli popolari.

In particolare, le due opere verdiane in programma quest’anno vedranno nuovamente impegnata l’Orchestra Città di Ferrara, nata nel 1992 con il sostegno di Claudio Abbado, da alcuni anni abituale protagonista in teatro della lirica cittadina, assieme alla regia di Maria Cristina Osti. La cantante e regista ferrarese, appassionata divulgatrice e didatta, ha anche questa volta coniugato la partecipazione di voci esperte, assieme a quella di talenti emergenti, grazie anche ad una collaborazione istituzionale con il Conservatorio “Frescobaldi” di Ferrara.

La Traviata sarà proposta mercoledì 13 luglio, con la direzione del maestro bolognese Lorenzo Bizzarri, da Adriana Iozzia, Angela Alessandra Notarnicola, Alessandro Goldini e Daebum Lee, protagonisti dei ruoli principali. Mercoledì 20 luglio toccherà poi a Sara Dal Doss Rossi, Claudia Marchi, Francesca Cucuzza, Francesco Medda, Andrea Zese e Cesare Lana interpretare Il trovatore sotto la guida di Aldo Salvagno, già apprezzato direttore della Bohéme” l’anno scorso. In entrambe le produzioni sarà coinvolto il Coro Giuseppe Verdi diretto da Mirko Banzato,

L’iniziativa – che riunisce gli sforzi di Comune, Teatro Comunale e Orchestra Città di Ferrara – è stata resa possibile dal sostegno della Regione Emilia Romagna e dalla collaborazione di Contrada di San Paolo e dell’associazione OPERiAMO.

Il costo del biglietto è di 18 euro, ridotto fino ai 12 anni a 5 euro, acquistabile online sul sito http://www.teatrocomunaleferrara.it e il giorno stesso della rappresentazione, direttamente in Castello a partire dalle 20.15. In caso di maltempo, lo spettacolo avrà luogo al Teatro Comunale di Ferrara, con ingressi in vendita alla biglietteria di Rotonda Foschini.

Autore: bondeno

redazione bondeno.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.