Musei civici Modena

Ponte del 1 maggio con Musei Civici e Gipsoteca Graziosi

Sabato 29, domenica 30 aprile e lunedì 1 maggio saranno aperti i Musei Civici negli orari 10-13 e 16-19 e la Gipsoteca “Giuseppe Graziosi” dalle 16 alle 19 grazie alla collaborazione degli Amici dei Musei e dei Monumenti modenesi.

Ingresso libero e gratuito

Domenica 30 aprile alle ore 16.30 lo storico Giorgio Pancaldi dedicherà un approfondimento al modello per il Monumento equestre a Benito Mussolini eseguito nel 1929 da Giuseppe Graziosi per il Littoriale di Bologna, distrutto a partire dal 1943.

Un colossale monumento equestre per l’esaltazione del fondatore del fascismo, alto cinque metri e lungo quasi sei, posto davanti all’arco della “Torre di Maratona” allo stadio “Littoriale” di Bologna, per enfatizzarlo scenicamente e renderne immortale il messaggio ideologico. Giuseppe Graziosi in maniera potente tradusse quell’ “immagine di volontà” che il volto di Benito Mussolini, ritratto dal vivo, gli trasmetteva. Col bronzo ricavato da cannoni sottratti agli austriaci nel 1848, la statua venne fusa in Toscana e trasportata faticosamente a Bologna. Alla presenza dell’autore, fu quindi trascinata su di un piano inclinato posto sulle gradinate dello stadio e collocata, con l’aiuto di carrucole e argani, su di un piedistallo ad un’altezza di oltre dieci metri rispetto alla base della torre.

Con la destituzione di Mussolini, il 25 luglio 1943, la popolazione ne iniziò il saccheggio: prima la rimozione del busto, poi la testa del dittatore trascinata per le vie di Bologna. Dell’opera rimase il “cavallo in corsa, con le gambe del cavaliere attaccate ai fianchi… uno spettacolo grottesco e macabro” a cui si pose fine nel 1947 quando, una volta fuso, lo scultore Luciano Minguzzi ne ricavò il “Monumento al Partigiano e alla Partigiana”, oggi a Porta Lame.

Fino al 21 maggio, Musei Civici

sarà possibile ammirare una selezione di chitarre antiche della collezione del liutaio e restauratore modenese Lorenzo Frignani.

Gli strumenti di fabbricazione italiana esposti, in molti casi pezzi unici, testimoniano l’evoluzione tecnica della chitarra dall’epoca barocca ai giorni nostri e sono impreziositi da elementi decorativi.

Fino al 4 giugno,  Sala Crespellani

Continua la mostra “Corrispondenze. Gli studenti di Fondazione Fotografia incontrano i Musei Civici.”

In esposizione gli scatti ispirati alle raccolte museali realizzati sotto la guida del fotografo Mario Cresci dai giovani autori Giulia Di Michele, Silvia Gelli, Prisca Magnani, Alice Mazzarella, Milena Nicolosi, Francesco Paglia, Alessandro Partexano, Federika Ponnetti, Clelia Rainone, Michela Ronco, Yulia Tikhomirova, Sara Vighi, Viviana Vitale. Mario Cresci ha scelto i Musei Civici di Modena ritenendoli un “luogo di grande fascino”, in grado di rappresentare “un ponte di attraversamento temporale per un’arte, la Fotografia, che, pur essendo un medium ancora giovane, ha bisogno di contaminazioni e confronti”.

Il progetto sui Musei Civici si è svolto durante il primo semestre del 2015, in occasione del corso che Cresci tiene da alcuni anni per gli studenti di via Giardini.

 

 

Info

Musei Civici, Largo Porta S. Agostino 337 – 41121 Modena

tel. 059 203 3101 – fax 059 203 3125

http://www.museicivici.modena.it

musei.civici@comune.modena.it

FB e Instagram: museicivicimodena

Da martedì a venerdì: dalle 9 alle 12; sabato, domenica e festivi: dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19

Salva

Autore: bondeno

redazione bondeno.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.