Green pass

Comunicazione di servizio n.1

Quello con la piuma sul cappello, che sta disonorando la divisa che porta, la smetta di minacciare gratuitamente gli onesti cittadini che pagano le tasse e rispettano tutte le regole, quelle sensate.

Comunicazione di servizio n.2

Quelli che gestiscono pubblici esercizi di qualsiasi genere sappiano che sono loro ad avere bisogno di clienti e non il contrario.

Comunicazione di servizio n.3

Quello che ogni tre mesi parla in televisione, quando afferma, senza vergogna, che “chi non si vaccina muoree fa morire gli altri” sappia che questo vaccino non rende immortali e che comunque morirà anche lui, come tutti noi, compresi i vaccinati

.Comunicazione di servizio n.4

Stanno testando il limite fino al quale possono spingersi nell’ annientare diritti inalienabili. Chiunque obbedisca si rende complice della distruzione della società civile.

Comunicazione di servizio n.5

Il grinpas esiste solo nelle loro menti bacate.Dobbiamo resistere. E resisteremo.

Fiorella Susy Fogli

Matilde Basket

Fin dal 1970 / 1971 quando da una costola della 1^ A del Liceo Scientifico di Bondeno, dalla passione, costanza e competenza di storici dirigenti come Attilio Benetti – all’epoca già coordinatore di educazione fisica nell’allora Provveditorato agli studi di Ferrara – Mario Benea e Franco Naldi, si costruirono le fondamenta della pallacanestro locale anche con un ramo femminile. Un movimento cestistico le cui radici risalgono addirittura alla fine degli anni ‘Trenta del secolo scorso: e nel secondo dopoguerra oltre all’iscrizione di una squadra maschile in serie C, pure una compagine femminile anch’essa militante nella Terza serie nazionale, unitamente a future “piazze” storiche del basket rosa!!

da Facebook

Una foto d’archivio gentilmente concessa tanti anni addietro dalla stessa società ne coglie i primi tratti a70! L’allenatore, era Antonio Pozzati, in seguito anche presidente del Comitato Nazionale Allenatori a livello centrale in due mandati (l’ultimo dal 2001 al 2009) poi inserito pure nel ristretto lotto dei tecnici benemeriti della Federbasket. Poi le prime avventure agonistiche nella Palestra di via Manzoni, all’interno del plesso scolastico inaugurato nel 1968. Tanto tifo, tanti supporter, tanto divertimento e spensieratezza! Ricordando anche coloro che fin dal trentennio precedente la fondazione hanno coltivato in loco il seme della palla a spicchi”!!Come sempre Forza Matilde!!!(Foto: Un ringraziamento speciale alla famiglia Benetti che anni addietro ci aiuto ad identificare i presenti …!!) …In basso da sx: Romano Gamberini, Giovanni Grazzi, Paolo Castaldini, Sergio Benea, Daniele Galliera;Da sx in piedi: Nevio Bonini, Massimo Malaguti, GianCarlo Ferrari, Paolo Caselli, Fabio Sabbioni. Coach: Antonio Pozzati

Giardino per tutti

La rassegna animerà l’estate del quartiere Gad fino a settembre inoltrato con manifestazioni culturali, eventi sportivi, cinema, teatro e spettacoli per bambini. La kermesse comincia con “Tra colto e popolare” Generi Altrimenti Declinati, iniziativa curata da Jazz Club Ferrara per Consorzio Wunderkammer, con il sostegno di Anci e della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Mercoledì 21 luglio, ore 21.30
“Tra colto e popolare. Generi Altrimenti Declinati”
Yamandu Costa, chitarra sette corde
http://www.jazzclubferrara.com –  Ingresso gratuito. È fortemente consigliata la prenotazione tramite app Eventbrite23, 24 e 25 luglioCarino Festival Dalle 14:00 alle 18:00 > attività pomeridiane in fase di definizione >Venerdì 23 luglio, dalle ore 19.00: Colombre – Nicolò Carnesi – Emma Nolde Prenotazione gratuita su Eventbrite: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-carino-colombre-163326912191 >Sabato 24 luglio, dalle ore 19.00: Bombino con Adriano Viterbini – Banadisa Prenotazione gratuita su Eventbrite: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-carino-bombino-adriano-viterbini-163226550005 >Domenica 25 luglio, dalle ore 19.00: gazebo penguins – Fanelli Demolizioni Prenotazione gratuita su Eventbrite: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-carino-gazebo-penguins-163406052903 Info: facebook.com/officinameca
Sabato 24 luglio, ore 18.00“Un’estate insieme ai burattini”
– Il rapimento della principessa Annabella A cura della Compagnia Città di Ferrara Ingresso libero Info: 338-8405511 http://www.burattini-ferrara.it
Lunedì 26 luglio”Città in pellicola” – Manhattan
chiusura prenotazioni online 19:30 / apertura porte 20:30 / inizio proiezione 21:30 Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria su Eventbrite: https://bit.ly/2TluGScInfo: tel 0532 241419
Venerdì 30 luglioOre 18.30
peso ufficiale in pubblico e presentazione atleti Ore 21.00 inizio degli incontri Rumble under the Towers interregionale di boxe olimpica a cura di Costantino Boxe Manifestazione di pugilato olimpico che vedrà l’esibizione degli atleti della Costantino Boxe. Evento clou: Marcello Matano vs Luka Leskovic sulla distanza delle 6 riprese. Ingresso gratuito Info: email a costantinoboxe@libero.it


Sabato 31 luglio, ore 21.30

“Tra colto e popolare. Generi Altrimenti Declinati”
Kevin Hays, pianoforte e voce
http://www.jazzclubferrara.com – Ingresso gratuito. È fortemente consigliata la prenotazione tramite app Eventbrite

Sabato 31 luglio, ore 18.00
“Un’estate insieme ai burattini” – Burattini Tim.Tum.Tam.
A cura della Compagnia Città di Ferrara
Ingresso libero
Info: 338 8405511 http://www.burattini-ferrara.it

Lunedi 2 agosto
“Città in pellicola” – Lost in translation
chiusura prenotazioni online 19:30 / apertura porte 20:30 / inizio proiezione 21:30

Lunedi 9 agosto
“Città in pellicola” – Vacanze Romane
chiusura prenotazioni online 19:30 / apertura porte 20:30 / inizio proiezione 21:30

lunedì 23 agosto
“Città in pellicola” – La città incantata
chiusura prenotazioni online 19:30 / apertura porte 20:30 / inizio proiezione 21:30

Mercoledì 25 agosto, ore 21.30
“Tra colto e popolare. Generi Altrimenti Declinati”
Gabriele Mirabassi, clarinetto:; Simone Zanchini, fisarmonica

sabato 28 agosto
Music Road – concerti

domenica 05 settembre
Music Road – concerti

Venerdi 10 settembre
Ferrara Piano Festival

sabato 11 settembre
Ferrara Piano Festival

domenica 12 settembre
Cerimonia di Chiusura – Ferrara Musica

CALENDARIO IN VIA DI DEFINIZIONE

Info: Centro di Mediazione Tel. 0532-770504 email centro.mediazione@comune.fe.it

*e#

Temo che in molta gente si sia formato un asterisco nel cervello che oscura le sinapsi e ogni altro collegamento cognitivo. Un tumore ideologico, non maligno semmai malpensante, che produce un fenomeno degenerativo dell’intelligenza nei rapporti con le persone. L’asterisco, e quel che sta dietro la sua scelta, fa perdere di vista le persone reali, anima e corpo, carne e mente, la loro storia e la loro natura; riduce tutto a categorie astratte se non astrali; generi, sessualità fluttuanti e volubili, capricciose, multiuso et abuso. Non uomini ma materiali in transito. Nel nome della libertà di ciascuno rinnega la libertà di ognuno. Come ci insegnano i telefonini, maestri di vita e di tastiera, all’asterisco segue il cancelletto; del carcere o del manicomio, lo vedremo poi.

Marcello Veneziani

in https://www.ariannaeditrice.it/articoli/un-asterisco-nel-cervello

Recupero fiera

Da questa sera, venerdì 16 luglio, prenderà il via la seconda edizione dell’Unlock Festival – Festa d’Estate, l’evento in Viale della Repubblica a Bondeno che si propone di raccogliere e di restituire in pillole i principali festival del territorio matildeo.

Sarà una tre giorni di eventi per giovani e famiglie, nonché per tutti gli appassionati degli spettacoli del territorio: Bundan Celtic Festival, ReWoodstock, Kalibù, Tri dì in mota. Main sponsor dell’evento, la multiutility Hera. Venerdì sera, sul palco andranno in scena le musiche del ReWoodstock e del Kalibù. Sabato 17, invece, sarà la volta del Bundan Celtic Festival e ancora del Kalibù. Domenica 18, infine, Tri dì in mota e Kalibù saranno le pillole di eventi organizzate in Viale della Repubblica. L’inizio delle serate è fissato alle ore 20 per venerdì e sabato, mentre l’evento inizierà già dal pomeriggio (15.30) nella giornata di domenica.

«Sono contento della grande disponibilità al dialogo che ho trovato da parte di tutte le realtà coinvolte – commenta il sindaco di Bondeno, Simone Saletti –. Questa manifestazione collegiale permetterà di mantenere vivo l’entusiasmo: è finalmente giunto il momento di riappropriarci davvero dei nostri spazi all’aperto e di sostenere la cultura del territorio. Ringrazio quindi tutte le realtà che, insieme, hanno organizzato l’evento – chiosa il sindaco –: dall’organizzatore del Kalibù (Officina Design Cafè, ndr), ai food truck e all’Associazione Culturale Strabilia, passando per il supporto tecnico fornito da Ks, per la sicurezza gestita da Top Secret e dalle forze dell’ordine, per l’assistenza sanitaria di Croce Rossa, e naturalmente per il fondamentale sostegno pervenuto da Hera».

Di seguito, il programma delle tre serate con tutti gli artisti che si esibiranno.

Unlock 3
Condividi il contenuto su Facebook

Bat box

Bat box: un sistema ecologico e rispettoso dell’ambiente per dare rifugio ai chirotteri cittadini, ormai frastornati e disorientati dall’inquinamento acustico e luminoso dei grandi centri urbani. Un’idea sviluppata dagli studenti e dai docenti dell’Ateneo fiorentino, ma non nuova nel mondo, soprattutto in Italia dove un progetto simile, sperimentato dalla Regia Aeronautica, contribuì a bonificare le aree insalubri dalla malaria.BatsRappresentanza

Il generale Marieni riceve autorizzazione a sfruttare progetto del Dr. Campbell (fonte: http://www.marieni-saredo.it/)

Negli Anni ’20 in USA scienziati e zoologi si confrontano sulla opportunità di “sfruttare” il pipistrello insettivoro per eliminare le zanzare che, in particolare nella paludi, oltre che fastidiose sono foriere di malattie. E che il piccolo mammifero sia ghiotto di insetti lo ricorda anche Plinio il Vecchio nel suo Naturalis Historia: “Et in cibatu culites gratissimi“. Fatto sta che uno studioso, Charles Campbell, fa costruire sulle sponde del lago Mitchell (Texas) le Bat Towers, nelle quali raccogliere intere colonie; la eco dell’esperimento giunge fino alle orecchie del generale e ingegnere italiano Giovanni Battista Marieni della Regia Aeronautica, ufficiale proveniente dai ranghi del Regio Esercito e che sul Piave, nel corso della Grande Guerra, aveva compreso quanto l’ambiente insalubre degli acquitrini potesse gravare sulla salute delle truppe stanziate in prossimità degli stessi.

un pipistrellaio

Dopo una fitta corrispondenza con Mitchell (che lavorava sui pipistrelli ormai da 20 anni) nel gennaio 1925 Marieni riceve l’autorizzazione a poter replicare, sul suolo italiano, l’opera del texano. L’attenzione del generale si concentra sulla Sardegna isola che, in quel periodo, presenta alcune aree insalubri e malariche. Nascono, così, i pipistrellai grandi torrette posizionate in aree isolate, in genere lontane dai centri abitati e che, negli anni, compariranno anche nel foggiano e nell’Agro Pontino. I risultati ottenuti da Marieni sono discontinui perché, in fondo, la Natura ha i suoi ritmi e gli animali posso impiegare molto tempo prima di capire che un rifugio è sicuro e utile per la caccia, pertanto posizionare un pipistrellaio non vuol dire ritrovarsi, dall’oggi al domani, una colonia al proprio “servizio”. Ma al di là dei dati statistici sulla lotta alle zanzare, colpiscel’attenzione riservata dall’ufficiale della Regia Aeronautica per l’ambiente poiché al più funzionale DDT, preferì un canale bio e privo di conseguenze venefiche per l’uomo, per la fauna e per la flora. Ma la memoria del generale e dei suoi pipistrelli si è persa nelle nebbie della Storia: le torri non esistono più e sono ricordate solo in alcuni siti (come quello dedicato al Casato Marieni Saredo) e in tesi di laurea che conferiscono carattere scientifico e accademico ad un esperimento che, altrimenti, sembrerebbe uscito da un romanzo di fantascienza.

http://www.barbadillo.it/67216-storia-regia-aeronautica-il-generale-marieni-e-i-suoi-pipistrelli-in-azione-contro-la-malaria/

Fate voi

Il capo dell’ufficio stampa della Casa Bianca, Jen Psaki  in una conferenza stampa tenutasi giovedì scorso ha fatto una sorprendente ammissione secondo cui “il governo degli Stati Uniti si sta attivamente coordinando con Facebook per segnalare i post dei cittadini degli Stati Uniti come “problematici” e contenenti “disinformazione” sul Covid-19″.

L’ammissione ha sollevato implicazioni sui diritti di libertà di parola del Primo Emendamento, in particolare perché precedenti azioni legali che hanno accusato Facebook e il governo di lavorare insieme per censurare i contenuti online sono state respinte a causa di un giudice che ha ritenuto non ci fossero abbastanza prove di questa “sinergia “.  In poche parole l’amministrazione americana non può più far finta che siano soltanto dei soggetti privati a operare le censure, ma sono proprio i poteri  pubblici che entrano nella definizione di ciò che va considerato vero o falso e che di fatto chiedono di cancellare i contenuti ritenuti “non conformi!. La liberta di parola è andata a quel Paese insieme alla miserabile copertura delle società privata.

https://ilsimplicissimus2.com/2021/07/16/tirannia-conclamata/

Nota : personalmente ho smesso di postare su FB e uso WordPress ma sempre USA è

Bruno Visentini

da Facebook

Nel 1980 Visentini, contro la pratica della partitocrazia che si esprimeva negli estenuanti negoziati tra le segreterie dei partiti per arrivare alla composizione del governo, indicò un “ritorno alla Costituzione” nella forma di un “governo istituzionale“: secondo Visentini, il governo avrebbe dovuto essere nominato autonomamente dal Presidente della Repubblica e insediato a seguito del voto di fiducia del Parlamento. Il governo istituzionale doveva trasformare la concezione del bene comune della maggioranza parlamentare in provvedimenti legislativi e amministrativi sotto il controllo del Parlamento.

Come poi sia andata a finire lo sappiamo tutti…