Aperture

KODAK Digital Still Camera

La notizia di oggi è che stanno smontando la gru a San Giovanni e , mentre facevo questa foto, ho notato che qualcuno passeggiava lungo la ciclabile senza mascherina (in proposito potete leggere qui https://bondeno.blog/2020/05/11/il-nuovo-bigotto/).

Che sia arrivata l’estate lo testimonia anche l’articolo più letto di oggi sul Naturismo.

Nuovo ponte

L’amministrazione comunale di Bondeno ha accolto con grande positività e soddisfazione la notizia pervenuta dalla Provincia di destinare 1,2 milioni di euro per la completa ricostruzione del ponte sulla strada provinciale 9 (via Virgiliana).

Si tratta del ponte che unisce il centro città con il cimitero, nonché il collegamento diretto tra Bondeno e Cento. «Con il rendiconto approvato in questi giorni, la provincia di Ferrara ha aumentato notevolmente i soldi da investire sulla ricostruzione del ponte – commentano il sindaco, Simone Saletti, e l’assessore ai Lavori pubblici, Marco Vincenzi –. Come amministrazione, siamo molto soddisfatti per questa decisione, e ci complimentiamo per l’ottimo lavoro svolto congiuntamente dalla Provincia e dalla Regione. In questo modo, in pochissimi anni i bondesani avranno ben tre ponti nuovi (il Ponte Scala intitolato a don Marcellino Vincenzi, inaugurato a gennaio 2020, il Ponte Rana che sarà inaugurato nel 2022, e il ponte che collega Bondeno e Cento, ndr)».

http://comunebondenofe.it/3352-nuovo-ponte-dal-cimitero

Via Manzoni: parcheggio

Approvato con delibera di Giunta il progetto di fattibilità per un nuovo parcheggio in via Manzoni che venga incontro alle necessità di studenti e docenti, oltre che delle società sportive che usufruiscono della palestra. Il sindaco, Saletti, e l’assessore ai Lavori pubblici, Vincenzi:

«Riqualifichiamo un’area compromessa dal sisma e veniamo incontro alle esigenze di chi quel luogo lo vive quotidianamente per motivi lavorativi. Parcheggio pronto entro l’autunno»

Con delibera di Giunta è stato approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione di un’area parcheggio in via Manzoni, precisamente nel punto in cui, fino al sisma del 2012, sorgeva la seconda palestra per la scuola superiore e per le società sportive. La nuova area parcheggio, che sarà illuminata e comprenderà ingresso e uscita su via Manzoni, costituirà un importante aiuto per docenti e studenti della adiacente scuola, nonché per gli utenti delle società sportive che si allenano nella palestra limitrofa.

A completamento del progetto, vi sarà anche un’altra area parcheggio, stavolta pensata per agevolare i residenti, nella strada a fondo cieco che punta verso il cortile interno della scuola superiore. In totale, si tratterà di una trentina di posti auto, di cui circa venti dedicati al parcheggio vero e proprio e circa dieci per i residenti. Il costo dell’opera è poco meno di 230mila euro, dei quali il Comune ha già impegnato poco più di 9mila euro per i progetti di fattibilità e per il progetto definitivo-esecutivo, finanziati con avanzo di bilancio.

«Veniamo incontro a quelle che sono le reali esigenze di chi quella zona la vive quotidianamente per motivi di studio, lavoro o sport – sono le parole del sindaco, Simone Saletti, e dell’assessore ai Lavori pubblici, Marco Vincenzi –. La riqualificazione dell’area era uno dei progetti chiave di questo mandato, e possiamo dire con buona probabilità che il parcheggio sarà pronto entro l’autunno, consentendo così uno snellimento concreto dell’occupazione dei parcheggi limitrofi già a partire dall’inizio del nuovo anno scolastico».

Dopo l’approvazione della Giunta, il progetto passa nelle mani della Regione, che nel giro di un mese dovrebbe rispondere per consentire al Comune di dare avvio alla gara di appalto.

Render parcheggio Manzoni

Il deputato Cestari interviene sulla Cispadana

Il fatto che nel Decreto-legge semplificazioni siano incluse importanti infrastrutture viarie e sia esclusa la Cispadana è inaccettabile” non usa mezzi termini il deputato leghista di Bondeno, eletto nel collegio di Cento di cui fanno parte anche alcuni comuni della Bassa, Emanuele Cestari commentando le ricadute del decreto-legge recentemente voluto dal Governo.
“La ripartenza dopo l’emergenza sanitaria, che ha comportato gravi danni al tessuto economico nazionale e a quello emiliano-romagnolo, necessita di un impulso a partire dagli investimenti pubblici che possono ravvivare l’economia del nostro territorio. In Regione, a partire da Bonaccini, si è sempre parlato molto di Cispadana ma i fatti sono ben pochi e basta guardare i provvedimenti sin qui adottati che testimoniano come quest’opera, pur essendo menzionata tra quelle prioritarie nel piano “Italia Veloce” redatto del Governo, non è stata specificatamente inserita nel decreto-legge “semplificazioni” per velocizzarne l’iter”.
“Mi auguro – conclude il deputato bondenese – che durante la conversione trovi spazio, in Parlamento, l’esigenza di condivisione delle iniziative per la ripartenza economica e che si possa inserire tale arteria viaria tra quelle che necessitano di un impulso particolare. La Lega non farà mancare il suo appoggio in questa direzione”.

The post Cispadana esclusa dal decreto-legge semplificazioni, Cestari (lega): “Inaccettabile” appeared first on SulPanaro | News.

Ferrara-mare

Anas, società del Gruppo FS italiane, ha concluso i lavori di manutenzione della pavimentazione stradale lungo il Raccordo Autostradale “Ferrara – Porto Garibaldi”.

I lavori, in entrambe le carreggiata, hanno consistito nella realizzazione del nuovo asfalto e della nuova segnaletica orizzontale, al fine di innalzare gli standard di sicurezza della strada e il comfort per l’utenza stradale.

Gli interventi hanno comportato un investimento complessivo di 1 milione di euro, previsti nell’ambito del piano pluriennale di Anas per l’ammodernamento della rete viaria di competenza.

Anas, società del Gruppo FS Italiane, ricorda che quando guidi, Guida e Basta! No distrazioni, no alcol, no droga per la tua sicurezza e quella degli altri (guidaebasta.it). Per una mobilità informata l’evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all’applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Il servizio clienti “Pronto Anas” è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito 800.841.148.

The post Conclusi i lavori di nuova pavimentazione su raccordo “Ferrara – Porto Garibaldi” appeared first on SulPanaro | News.

Cispadana

“Infrastrutture decisive per favorire sia la ripartenza dell’economia che la competitività dei poli industriali locali, anche in seguito alla profonda crisi legata alla pandemia da Covid-19” è il commento del consigliere regionale di Fratelli d’Italia Michele Barcaiuolo che con una risoluzione intende impegnare la Giunta affinchè venga definita una data certa per l’inizio dei cantieri per le due arterie stradali.
Barcaiuolo evidenzia come entrambe le opere siano di fondamentale importanza, nonostante il ritardo ventennale rispetto al picco economico dei settori industriali e commerciali limitrofi alle aree di realizzazione, e porta all’attenzione dell’Assemblea Legislativa il perpetuarsi dei ritardi legati alla progettazione e all’avvio dei cantieri. “L’iter procedurale per la realizzazione delle opere ha avuto avvio nel 2001, ma, nonostante i ripetuti annunci dei Ministri competenti degli ultimi Governi e del presidente della regione, nei fatti, è ancora bloccato nonostante la comunità locale e il tessuto produttivo chiedano da tempo la realizzazione dell’opera e l’avvio effettivo dei lavori, atteso da decenni” incalza Barcaiuolo.
Il 19 febbraio 2020, rileva inoltre il consigliere, durante lo svolgimento un’interrogazione in Commissione parlamentare ambiente, veniva comunicato che “Sono in corso le attività preordinate all’esproprio da parte del concessionario e, una volta terminata la fase di acquisizione dei suoli, si potrà procedere all’avvio dei lavori che, secondo le pattuizioni convenzionali, potranno essere eseguiti direttamente dal concessionario”.

“Perché attendere ulteriormente? La Regione chiarisca e si impegni la Giunta a decidere senza ulteriori rimandi la data di avvio dei suddetti cantieri” chiosa Barcaiuolo.

The post Barcaiuolo (FdI): “Basta ritardi. Avviare i cantieri di Bretella e Cispadana” appeared first on SulPanaro | News.

Al mare in treno

Altri 1000 posti per raggiungere in treno Rimini, Riccione, Misano e Cattolica.

Cresce l’offerta di Trenitalia Tper per il mare grazie a due nuovi treni regionali, che da domani collegheranno – ogni sabato fino al 29 agosto – Parma, Reggio Emilia,Modena e Bologna con la Romagna. I due collegamenti saranno effettuati con i nuovi convogli Rock a doppio piano.

Il primo partirà da Bologna alle 7.27 e raggiungerà Rimini alle 8.54, Rimini Miramare alle 9.00, Riccione alle 9.05, Misano Adriatico alle 9.09 e Cattolica alle 9.14, per poi proseguire la sua corsa fino a Pesaro. Fermate anche a Castel San Pietro 7:47, Imola 7:55, Castelbolognese 8:01, Faenza 8:09, Forlì 8:20 e Cesena 8:34.

Il secondo partirà da Parma 7:55 con destinazione Rimini dove arriverà alle 10:26. Fermate anche a S. Ilario d`Enza 8:02, Reggio Emilia 8:14, Rubiera 8:23, Modena 8:34, Castelfranco E. 8:42, Bologna C.le 9:01, Castel San Pietro 9:17, Imola 9:33, Faenza 9:44, Forlì 9:53 e Cesena 10:07.

Gli orari dei nuovi treni saranno consultabili a breve sui canali di vendita di Trenitalia e TrenitaliaTper.

Fra le 7.05 e le 10.32 saliranno così a 14 i treni regionali diretti in Riviera, in media uno ogni 15 minuti. Vista la diversa origine dei collegamenti – Milano, Piacenza, Parma o Bologna – si consiglia ai passeggeri di scegliere la soluzione di viaggio più funzionale alla propria città di partenza, per consentire una migliore distribuzione delle persone a bordo.

Tutti i posti a sedere potranno essere occupati, ma si ricorda che sul treno è obbligatorio indossare sempre e correttamente la mascherina e igienizzare le mani anche utilizzando i dispenser a bordo.

I treni regionali vengono sanificati ogni giorno e il personale è attrezzato per viaggiare nella sicurezza propria e dei passeggeri.

The post Al mare in treno: altri 1000 posti per andare a Rimini, Riccione, Misano e Cattolica. appeared first on SulPanaro | News.

Problemi

Neanche il tempo di inaugurarlo e già cominciano i problemi. Infatti è questo ciò che si vede sul nuovo ponte sul canale Burana a Bondeno, costato oltre 4 milioni di euro e il cui taglio del nastro è previsto per sabato:

L’asfalto che si trova all’ingresso del ponte si è infatti aperto in una voragine. Quanto è accaduto ha fatto preoccupare, e non poco, tanti bondenesi. Il ponte rischia di crollare?  I lavori sono stati fatti a regola d’arte? Il ponte è sicuro?, si sono chiesti in tanti.

La risposta è arrivata a mezzo stampa dal Comune, che spiega come la crepa non sia sul ponte. Anzi, non è nemmeno una crepa. E’ una cosa che riguarda la nuova ciclabile e che si sistema senza problemi, ha detto l’assessore Marco Vincenzi. Basterà che gli operai grattino via via l’asfalto messo sulla terra senza fondo e quel buco lungo oltre tre metri verrà sistemato.

Rimane però, che il cedimento del terreno c’è stato, sul terreno cui poggia il ponte e su cui sia lavorato. Sopra c’è la ciclabile, che non aprirà sabato come il ponte.

Fai clic qui per vedere lo slideshow. 

The post Cedimento sul nuovo ponte sul canale Burana a Bondeno appeared first on SulPanaro | News.

La storia infinita

Fermi tutti, il progetto della Cispadana non va più bene. La Regione cambia idea e commissiona un nuovo studio costi-benefici. Quanto fatto finora si mette nel cassetto, e per avere un’opera attesa da decenni, condivisa con le parti sociali e con i territori, sulla quale la Regione è pronta a investire altri 100 milioni di euro bisognerà aspettare ancora.

I 100 milioni di euero servono a pagare una analisi di sostenibilità del progetto definitivo su tutti gli aspetti – ambientale, sociale e dei costi – per arrivare poi alla validazione definitiva del progetto stesso.

Progetto definitivo della Cispadana adeguato alle prescrizioni della Valutazione di Impatto Ambientale e cronoprogramma verso il cantiere illustrati a Bologna a imprese, sindacati, enti locali, università, associazioni del Terzo settore riunite nel Patto per il lavoro, dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, dal vicepresidente e assessore ai Trasporti e Infrastrutture, Raffaele Donini, dall’amministratore delegato di Autostrada del Brennero Spa, Diego Cattoni, e dal direttore tecnico generale, Carlo Costa, e dal presidente di Arc Spa, Graziano Pattuzzi.

“Abbiamo condiviso con il Patto per il Lavoro un passaggio importante- affermano il presidente Bonaccini e il vicepresidente Donini– con la presentazione del progetto di un’opera, la Cispadana, con la quale collegare in modo diretto e veloce il nostro territorio con il Brennero e il Nord Europa, vincendo la sfida della competizione globale e riducendo fortemente l’inquinamento e il traffico nei centri abitati. Progetto che è stato rivisto e che comprende ora rilevanti interventi di mitigazione. Ora- proseguono- di fronte alla positiva volontà di Autobrennero di ricapitalizzare la società Arc, incaricata della progettazione e realizzazione dell’opera, e all’ulteriore investimento di 100 milioni di euro che come Regione siamo pronti a fare per assicurare l’equilibrio economico-finanziario e di gestione, coerentemente con ciò che abbiamo sempre fatto avvieremo una analisi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica dell’intero progetto. Stiamo sbloccando opere ferme da troppo tempo- chiudono Bonaccini e Donini– e lo facciamo in maniera condivisa con territori e parti sociali, con l’obiettivo di garantire crescita sostenibile e buona occupazione”.

Il progetto

Da Reggiolo-Rolo, nel reggiano, a Ferrara in 40 minuti, la metà del tempo che occorre ora. Con una riduzione stimata del -35% dei costi tra carburante e pedaggio e un abbassamento del -4% delle polveri sottili e del -13% degli ossidi di azoto grazie anche agli 11 mila camion in meno che circoleranno nei centri abitati.

È la nuova Cispadana secondo il progetto presentato oggi in Regione al Patto per il Lavoro. 65,7 Km di tracciato per collegare l’Autostrada del Brennero (A22) alla Ferrara-Padova (A13) e da qui al mare con il raccordo alla superstrada Ferrara-Porto Garibaldi.

Un’opera sulla quale la Regione ha investito quasi 180 milioni di euro, che ora, attraversando le province di Reggio Emilia, Modena e Ferrara, potrà soddisfare le esigenze di mobilità dell’area nord-orientale dell’Emilia-Romagna, con un ridotto impatto ambientale.

 

Le opere di mitigazione

Il progetto presentato oggi è frutto di una programmazione articolata che ha avuto come obiettivo strategico quello di armonizzare l’infrastruttura coi territori che la attraversano.

Imponenti le opere di mitigazione previste a partire dai 61 km di piste ciclabili, i 514.700 mila metri quadrati di interventi con funzione naturalistica e i 756.600 metri quadrati di interventi di inserimento paesaggistico, fino ai 158.600 metri quadrati di boschi e arbusti filtro, i 12 km di siepi e filari di compensazione agroambientale e i 20 mila metri quadrati di parco intercomunale.

Altro capitolo importante è quello dedicato alla sicurezza con i 140 km di sistema antinebbia con guida luminosa a led e gli 1,7 milioni di metri quadrati di pavimentazione drenante fonoassorbente, cui si aggiungono 2.380 metri di ponti e viadotti, 52 opere di scavalco, 20,3 km di barriere antirumore per la protezione acustica.

I commenti politici

Andrea Bertani, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, commenta l’annuncio della Regione sulla realizzazione di un’analisi costi-bonifici per l’autostrada regionale. “Evidentemente con i nostri dubbi abbiamo fatto breccia”.

 

“L’annuncio della volontà da parte della Regione di effettuare un’analisi costi-benefici sulla Cispadana è una buona notizia perché conferma quello che il M5S sostiene da sempre, ovvero che si tratta di un’opera troppo costosa per gli eventuali vantaggi che potrebbe comportare”. È il commento di Andrea Bertani, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle dopo l’annuncio da parte della Regione Emilia-Romagna effettuerà una valutazione costi-benefici sul progetto dell’autostrada regionale per collegare l’A22 Modena-Brennero all’A13 Bologna-Padova. “Quella di una valutazione seria che prendesse in esame oltre ai costi esorbitanti, anche l’impatto in termini ambientali che quest’opera avrà da Reggio Emilia a Ferrara, è stata da sempre una delle nostre richieste avanzate in questi anni in Assemblea Legislativa – aggiunge Andrea Bertani – Adesso finalmente, e dopo tutti i no che abbiamo incassato alle nostre risoluzioni, ordini del giorno ed emendamenti che hanno provato ad aprire una breccia nella ferrea volontà della Regione di aprire i cantieri di quest’opera, si sottoporrà la Cispadana almeno a una valutazione complessiva che speriamo sia oggettiva e non politicamente schierata. Come abbiamo sempre sostenuto ci sono delle alternative valide alla realizzazione di quest’autostrada, e la prima è sicuramente quella di ammodernare il tratto esistente e trasformarlo in una superstrada a scorrimento veloce senza pedaggio. Essere passati dalla ‘Cispadana a tutti i costi’ ad un’analisi dettagliata dell’opera, anche davanti ai tanti dubbi che abbiamo sollevato sul reperimento dei fondi, è per noi – conclude il capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle – un fatto positivo. Finalmente si mette in discussione quest’opera”.

GALLI (FI): ‘ANALISI COSTI-BENEFICI SULLA CISPADANA, COSÌ BONACCINI PUNISCE LE IMPRESE PER INGRAZIARSI I 5 STELLE’
“Un’opera attesa da decenni, pretesa dal mondo delle imprese e dal territorio che ora viene messa in discussione dal Pd di Bonaccini, terrorizzato di perdere le elezioni, per ingraziarsi i 5 Stelle”. A parlare è il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli. “L’annuncio di oggi di Donini e Bonaccini suona come una beffa rispetto a chi da tempo immemore chiede venga realizzata la Cispadana. La giunta regionale dopo aver chiesto a gran voce di fare presto e di procedere col cantiere, scopre ora, a due mesi dal voto, che serve una analisi del progetto definitivo prima di procedere coi lavori e, di fronte a questo incredibile annuncio, i 5 Stelle cantano vittoria per quello che di fatto è lo stop al progetto” – continua il capogruppo di Forza Italia. “Il Pd è nel caos più completo e pur di racimolare qualche consenso è pronto a tradire quanto promesso ripetutamente da anni. Forza Italia ha le idee chiare: quella strada serve e, così come la Bretella Campogalliano-Sassuolo, deve essere realizzata in tempi brevi. Ogni pretesto per ritardare l’avvio del cantiere è una autentica presa in giro e noi non lo permetteremo. Il 26 gennaio si avvicina e garantiamo agli emiliano romagnoli che con il centrodestra al governo dell’Emilia Romagna non ci sarà spazio per le pretese fintamente ambientaliste di chi vuole bloccare l’economia del Paese e della Regione”.
Cispadana, Lugli: Bonaccini porti subito in aula il piano trasporti”
“La valutazione costi-benefici dell’autostrada Cispadana è negativa” e l’ha già fatta il ministero dell’ambiente imponendo “oltre 200 prescrizioni ad un progetto sbagliato”, sentenzia il candidato a presidente della Regione de l’Altra Emilia Romagna Stefano Lugli. Ancora: “E’ insostenibile ambientalmente, ed irrealizzabile economicamente”.

Ed è davvero “surreale” che ora il presidente Bonaccini proponga per l’autostrada Cispadana “una valutazione costi-benefici” dopo averla inserita nel piano regionale dei trasporti adottato a luglio ed “in attesa di essere approvato definitivamente dall’assemblea legislativa”.

La bassa modenese e l’alto ferrarese “hanno bisogno di una strada a scorrimento veloce”, connessa con i poli industriali “senza devastare i centri storici”, ed ogni giorno perso ad “inseguire l’autostrada allontana il territorio”, che ha subito il sisma del 2012, “dalla viabilità che merita”.

“Invito il presidente a portare in aula il piano dei trasporti” per l’approvazione definitiva “prima della scadenza del mandato”, depurandolo di tutte le grandi “opere inutili” come l’autostrada Cispadana, la bretella Campogalliano-Sassuolo e la Ti.Bre, “destinando le relative risorse alla mobilità sostenibile e al trasporto su ferro”. Se non lo farà “la proposta di analisi costi-benefici per l’autostrada Cispadana si svelera’ essere solo una mossa elettorale di corto respiro”.

The post Cispadana, la Regione cambia idea e commissiona un nuovo studio costi-benefici appeared first on SulPanaro | News.