Araba Fenice

la fenice. Dalla tomba di Irinefer. Arte egizia, XIX-XX dinastia.

Ho appena pubblicato nello spazio destinato ai libri la storia del simbolo, ma nel 1996 ci costituimmo in associazione per pubblicare testi inediti.

Adesso le associazioni (vedi anche la storia dell’ENDAS) sono diventate troppo impegnative e hanno lasciato spazio al “volontariato”; dell’esperienza rimane traccia sul web: afenice.com.

Codice del Terzo Settore

In seguito all’entrata in vigore del Codice del Terzo Settore, le Associazioni di Volontariato, di Promozione Sociale e le ONLUS attualmente iscritte nei rispettivi registri, dovranno rispettare alcuni adempimenti per conformarsi alla nuova normativa. Tra questi, sarà necessario adeguare il proprio statuto ai principi introdotti dalla Riforma.

In seguito alla pubblicazione del Decreto Correttivo sul Codice del Terzo Settore, attualmente, la data ultima per la modifica del proprio statuto è stata fissata al 2 Agosto 2019 secondo le indicazioni operative contenute nella circolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 28 dicembre 2018 (che allego) e la collegata tabella riassuntiva (che allego).

Per accompagnare e sostenere le Associazioni nell’iter necessario ad effettuare le modifiche statutarie, AGIRE SOCIALE – CSV Ferrara metterà a disposizione una serie di servizi, in modo da rendere il più semplice possibile conformarsi alla normativa.

 

Innanzitutto invitiamo tutti i responsabili di OdV, APS ed ONLUS a QUATTRO INCONTRI TERRITORIALI DI ILLUSTRAZIONE DELLE MODIFICHE NECESSARIE, DI QUELLE FACOLTATIVE E DELLE LORO MODALITA’ DI ESECUZIONE CHE SI TERRANNO RISPETTIVAMENTE a

  • CENTO: Martedì 26 febbraio 2019 dalle ore 18.00 alle ore 20.00 presso Open Space Coccinella Gialla di Anffas Via dei Tigli, 2/B
  • ARGENTA: Lunedì 11 Marzo 2019 dalle ore 17.30 alle ore 19,30 presso Casa del Volontariato di Argenta Via Circonvallazione, 21
  • COMACCHIO: organizzato in collaborazione con il Comune di Comacchio Lunedì 18 Marzo 2019 dalle ore 17.00 alle ore 19,00 presso Sala Polivalente S. Pietro Via Agatopisto, 7
  • FERRARA: Martedì 26 Marzo 2019 dalle ore 17.00 alle ore 19,00 presso Sala Riunioni di Agire Sociale CSV Ferrara Via Ravenna, 52 (con ingresso da Via Ferraiola)
  • BONDENO: organizzato in collaborazione con il Comune di Bondeno Giovedì 28 Marzo 2019 dalle ore 20.30 alle ore 22,00 presso Sala 2000 Via Matteotti, 10

 

Inoltre, già a partire dalla fine del mese di Febbraio sarà attivato il VENERDÌ dalle 9,00 alle 13,00 uno SPORTELLO DI CONSULENZA SPECIFICO PER LE MODIFICHE STATUTARIE, dedicato ai Referenti delle Organizzazioni di Volontariato(ODV) e delle Associazioni  di Promozione Sociale (APS) iscritte ai registri regionali e ai Referenti delle ONLUS iscritte all’anagrafe.

Per potere accedere alla consulenza bisognerà richiedere un appuntamento per l’adeguamento statutario  alla Segreteria di Agire Sociale al numero di telefono 0532/205688 o inviare una mail a segreteria@agiresociale.it. A tal proposito consigliamo di prenotare già la vostra consulenza in modo da evitare che un eccessivo afflusso di appuntamenti nei pressi del termine previsto per la modifica statutaria, non ci permetta di soddisfare la vostra richiesta.

In questa fase di consulenza, invitiamo i responsabili delle Associazioni a consultare preventivamente la Circolare Ministeriale sopra citata e a portare all’appuntamento lo Statuto dell’associazione attualmente in vigore; si consiglia inoltre alle Associazioni che fanno parte di reti o che fanno riferimento a Gruppi o Federazioni nazionali (e che hanno, quindi, adottato statuti emanati dalla propria associazione di riferimento) di rivolgersi e confrontarsi preliminarmente con il proprio livello superiore, poiché è probabile che vengano messi a loro disposizione modelli statutari condivisi, già modificati in base alle linee guida della nuova normativa.

Ricordiamo che, modificando il proprio statuto secondo le modalità e i tempi indicati, in attesa dell’operatività del RUNTS  (Registro Unico Nazionale del Terzo Settore), le Associazioni potranno continuare a beneficiare dei vantaggi e delle agevolazioni fin qui godute dalle ODV e APS  iscritte nei relativi registri e dalle ONLUS.

AGIRESOCIALE

centro servizi per il volontariato Ferrara
 
Via Ravenna 52 - 44124 - Ferrara
tel 0532 205688 - fax 0532 242528
email segreteria@agiresociale.it
web http://agiresociale.it 
facebook Agire Sociale Csv Ferrara

Airone si trasferisce a Ospitale

pubblicato: Venerdì, 16 Febbraio 2018 10:28
Scritto da Erika Chillemi

sd

L’Airone si prepara a spiccare il volo verso Ospitale. Troverà una nuova “casa”, ancorché temporaneamente, all’interno delle ex scuole della località bondenese. Per consentire, nell’ormai imminente primavera, di inaugurare il cantiere di Casa Bottazzi. Secondo quanto prevede il progetto transitato anche in Consiglio comunale, l’antico palazzo che si trova in pieno centro storico dovrà essere ristrutturato internamente, «Per rispondere – avverte l’assessore alle Politiche sociali, Cristina Coletti – alle novità normative che sono state introdotte e che è necessario rispettare per avere l’accreditamento. L’obiettivo è quello di utilizzare le risorse derivanti dalla rimodulazione dei “Contratti di quartiere” e quelle comunali, per realizzare cinque appartamenti, di diverse dimensioni e composizione, destinati al progetto del “dopo di noi”». Si pensa, quindi, a dare un futuro a persone che per la comunità possono rappresentare una risorsa, operando in favore della loro inclusione sociale, in particolare pensando ad un futuro in cui non dovessero più avere loro cari vicini.

Casa Bottazzi è da sempre un luogo dedicato alla cura e al sostegno delle fasce più deboli: al suo interno, negli ultimi anni, si sono articolate con successo le attività de L’Airone e dei centri socio-occupazionali Cerevisia e Free Time. Logico, quindi, pensare anche ad un futuro per questi centri. «Le ex scuole di Ospitale – avverte il sindaco di Bondeno, Fabio Bergamini – sono una struttura che si presta, anche per la vicinanza al capoluogo, ad ospitare provvisoriamente il centro L’Airone. L’Amministrazione sta progettando da tempo una riqualificazione in chiave socio-culturale del plesso, che andrà adeguato anche sul piano dei servizi interni (penso agli impianti igienico-sanitari, che vanno strutturati per i diversamente abili) e che saranno funzionali anche in seguito. Quando L’Airone tornerà a Casa Bottazzi e troveremo, dunque, una definitiva funzione per le ex scuole». «La soluzione – precisa Coletti – è piaciuta moltissimo agli stessi operatori di Coop Serena (operanti nel centro Airone; ndr) anche per la possibilità di utilizzare il parco per varie attività. Acer si occuperà dell’adeguamento della struttura, che avrà il compito di accogliere il centro ed i suoi ospiti».

Intanto, in attesa del temporaneo trasferimento del centro socio-occupazionale diurno, in primavera aprirà il cantiere di Casa Bottazzi, per la creazione di cinque appartamenti: tre di grandi dimensioni, per gruppi di 6 ospiti, e tre di metratura più contenuta, per due ospiti ciascuno. Tra le migliorie introdotte, è previsto anche l’impianto di condizionamento del primo piano. Per il  progetto, già votato dal Consiglio comunale, è previsto un finanziamento complessivo da 1 milione 354mila euro, finanziati per circa 932mila euro da contributi statali e regionali e per 413mila euro da risorse comunali.

http://comunebondenofe.it/2039-airone-si-trasferisce-a-ospitale

 

Dal Consiglio comunale di Bondeno

Molto semplicemente: in sede di approvazione del bilancio ho presentato 2 emendamenti.
Con uno chiedevo il servizio di trasporto anziani verso i plessi ospedalieri e poliambulatori (per anziani non autosufficienti e non automuniti).
Con l’altro ho chiesto la riqualificazione del parco Baden Powell (zona via Alessandro Volta) poiché si trova in stato di degrado e senza illuminazione e viene usato dai ladri come via di fuga.
Ho proposto per il primo capitolo uno stanziamento di 50 mila euro. Per la riqualificazione 70 mila euro.
Ovviamente i soldi bisogna reperirli in bilancio e per me è assurdo tagliare altri servizi essenziali o chiedere l’aumento delle tasse. Così ho guardato tra la spesa corrente (ossia i soldi che ci sono davvero nelle casse comunali e sono immediatamente spendibili). Ho preso i capitoli più consistenti (quelli cioè che ricevono più soldi) e ho proposto di diminuirli. Parliamo di voci di bilancio finanziate con più di 70 mila euro alle quali sottraendo un 20/30% non si arreca danno.
Oltretutto, in bilancio la voce incriminata non riportava Spazio 29 quindi non era assolutamente possibile desumere leggendo che quei soldi erano tutti per Spazio 29. Era genericamente indicata come contributo alle associazioni per attività ricreative.
E, onestamente, tra un’attività ricreativa e un anziano in difficoltà o le famiglie svaligiate dai ladri, io preferisco mettere i soldi per tutelare gli anziani e le famiglie.
Tengo a precisare che ho proposto di tagliare al 100% il capitolo dell’auto di rappresentanza del sindaco e dei rimborsi chilometrici.

Ilaria Faraoni , PD