Centro raccolta rifiuti

Si informa la cittadinanza che a partire dal mese di gennaio i contenitori

posti all’esterno dei centri di raccolta verranno definitivamente rimossi

per evitare problematiche igienico-sanitarie dovute all’utilizzo improprio che ne è stato fatto, con frequenti abbandoni di abnormi quantitativi di rifiuti in tutta l’area esterna al centro di raccolta.

Tuttavia l’Amministrazione comunale di Bondeno, insieme con CLARA S.p.A., ha deciso di compensare la rimozione dei contenitori con due aperture aggiuntive del centro di raccolta che saranno:

  • Lunedì: pomeriggio 12:00 alle 17:30 (a partire dal 03/12/2018)
  • Sabato: pomeriggio 13:00 alle 17:30 (a partire dal 12/01/2019).

Solo nelle giornate di lunedì 24 dicembre 2018 e lunedì 31 dicembre 2018

Il centro sarà aperto nella fascia oraria dalle 8:30 alle 13:00.

Rimangono sempre validi i precedenti orari di apertura del centro di raccolta:

  • Martedì: mattina              08.30 – 13:00
  • Giovedì: mattina              08.30 – 13:00
  • Sabato: mattina              08.30 – 13:00

I contenitori verranno mantenuti all’esterno del centro di raccolta solamente nel periodo transitorio che precede l’apertura a regime del centro sui 4 giorni settimanali, ovvero fino al 12/01/2019, per dare modo ai cittadini di abituarsi alla nuova modalità.

In questo periodo di permanenza dei cassonetti, si ricorda che:

  • i rifiuti potranno essere conferiti solamente ALL’INTERNO dei contenitori;
  • È severamente VIETATO posizionare i rifiuti sul suolo o sopra i cassonetti.
  • Se i cassonetti sono pieni l’utente dovrà ritentare il conferimento in un successivo momento.I trasgressori saranno puniti a norma di legge:
    • Art. 255 Dlgs 152/2006: chiunque abbandona o deposita rifiuti è punito con la sanzione amministrativa-pecuniaria da 300€ fino a 3.000€. Se l’abbandono riguarda rifiuti pericolosi, la sanzione è aumentata del doppio.
    • art.256 D.lgs 152/2006: i trasgressori titolari di Imprese o Enti sono puniti con l’arresto da tre mesi a un anno o con l’ammenda da 2.600€ a 26.000€;
    • art. 20 del Regolamento ATERSIR approvato con CAMB/2018/34: previste sanzioni fino a 900€ per conferimenti errati di rifiuti urbani.

Regali di Natale

Sotto l’albero gli emiliano-romagnoli potrebbero trovare i rifiuti del Lazio. La richiesta per smaltire parte dei rifiuti laziali, in particolare di Roma, in Emilia-Romagna in vista delle feste è arrivata giovedì 21 dicembre e in queste ore è al vaglio della giunta Bonaccini.

È stato lo stesso presidente Bonaccini ad annunciarlo e, come ha dichiarato all’Ansa, “Credo ci sia la Capitale, in particolare, in grossa difficoltà visto le feste e ci chiedono se siamo disponibili a smaltire una parte di rifiuti in eccedenza su Roma. Valuteremo”.

In passato questa cosa era già successa per altre regioni, in particolare per Liguria e Puglia: “Mediamente – ha aggiunto Bonaccini – siamo sensibili quando le quantità sono poche e per poche settimane a prenderle in valutazione. Certo è curioso che proprio dalla Capitale governata dai 5 Stelle che ogni volta ci fanno la morale sul tema dei termovalorizzatori ci venga chiesto questo. Non siamo di quelli che selezionano sulla base delle appartenenze politiche ma non possiamo trasformarci nel riciclo di tutti quelli che non hanno saputo programmare”.

Dove finiranno i rifiuti del Lazio? Potrebbero andare a finire alla discarica di Finale, ora chiusa ma della cui apertura e allargamento si decide proprio un questi giorni.

Sulla vicenda è intervenuto anche Alan Fabbri, capogruppo Lega Nord in Regione Emilia Romagna. “A quanto pare – spiega in una nota il consigliere leghista – il tanto sbandierato Piano Rifiuti Zero del M5S per la capitale porta i sacchi dell’immondizia dalle strade di Roma direttamente a casa nostra. Ma è una richiesta a cui bisogna opporre un secco No. Chiediamo al presidente Stefano Bonaccini di non accettare di farsi carico del problema romano: non è corretto far pesare sui cittadini e sull’ambiente dell’Emilia Romagna, tra le più virtuose in materia di raccolta e gestione rifiuti, l’incapacità del governo a cinquestelle”.

“Inoltre – conclude Fabbri – sarebbe davvero paradossale se a bruciare le scorie in arrivo da Roma fosse proprio l’impianto di Parma, quello per cui Federico Pizzarotti, che non ne ha impedito l’apertura, fu espulso dal movimento”.

The post Rifiuti, il Lazio prepara il regalo di Natale all’Emilia-Romagna appeared first on SulPanaro | News.

Rifiuti tossici a Bondeno

La realtà supera le più fosche previsioni! Avete tempo fino al 24 aprile per compilare e consegnare alla dottoressa Violetta Fabbri presso il Comune di Bondeno il modulo per la presentazione di osservazioni da parte dei cittadini che trovate al link sottostante.
E’ l’unica cosa che possiamo fare, altrimenti poi non lamentatevi!

Riferimenti: Modulo per osservazioni